Più di 50mila visite e prestazioni iper-specialistiche unendo cura e ricerca: la Fondazione Bietti, il primo e unico IRCCS dedicato alla salute degli occhi è stato ricevuto dal Presidente della Repubblica

Mario Stirpe, decano dell’oculistica italiana e pioniere della chirurgia della retina in campo internazionale, è salito il 6 dicembre al Quirinale per presentare al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’esito dei lavori di ristrutturazione della nuova sede della Fondazione G.B. BIETTI.

L’unico IRCCS mono-specialistico d’Italia dedicato alla salute degli occhi si è, infatti, trasferito nei 4 piani dell’Ospedale Britannico a Roma, completamente ristrutturati per ospitare in uno stesso luogo ambulatori, blocco operatorio, dipartimenti e laboratorio di ricerca che potranno fornire più di 50mila visite e prestazioni. Da ora in avanti, tutti i servizi saranno facilmente accessibili in un’unica struttura permettendo ad assistenza, ricerca di base e ricerca traslazionale di seguire l’iter del singolo paziente.

“Abbiamo rappresentato al Presidente Mattarella, sempre così attento ed incoraggiante verso le iniziative grandi o piccole nel Paese – afferma il professor Mario Stirpe – l’ulteriore importante progresso nell’organizzazione dell’IRCCS Oftalmologico Fondazione Bietti.

Questa tappa importante mi offre l’occasione per ringraziare quanti, ricercatori, operatori sanitari ed amministrativi, hanno creduto nel progetto e chi, intendo il Professore Emmanuele Emanuele con la Fondazione Roma, ci ha ormai da quindici anni affiancato nello svolgimento delle attività di cura e ricerca. Un ringraziamento, infine, anche all’Istituto Neuromed che ha provveduto al restauro del Britannico.

La mia esperienza, e questo è rivolto ai più giovani, mi fa ritenere che anche nel nostro Paese con l’attento controllo e consiglio delle Autorità Regionali e Ministeriali è possibile portare a termine iniziative nelle attività volte al vantaggio pubblico”.

 Al Quirinale oltre al Prof. Stirpe sono stati ricevuti anche la Direttrice della Ricerca, Monica Varano, e la Direttrice Sanitaria Angela Mastromatteo, in rappresentanza delle due anime che caratterizzano l’IRCCS.

È proprio l’unione tra Ricerca e Cura che permette all’IRCCS di offrire assistenza iper-specialistica attraverso le sue 5 unità operative dedicate, ognuna, ad un’area particolare dell’oftalmologia: Cornea e Segmento Anteriore; Retina Medica; Glaucoma; Chirurgia Vitreoretinica; Neuroftalmologia. Grazie a queste specifiche sezioni dedicate ogni paziente può essere indirizzato e seguito in maniera altamente specifica da medici esperti di ciascun settore dell’oculistica.

Lo scopo dell’IRCCS è, infatti, quello di affiancare prestazioni assistenziali a progetti di ricerca che approfondiscano sia la conoscenza dei meccanismi patologici – per sviluppare nuove cure – sia la comprensione di come le cure agiscano sui singoli pazienti – nella direzione di una vera e propria medicina personalizzata.

Un orizzonte che la Fondazione Bietti persegue – grazie al generoso e duraturo sostegno della Fondazione Roma – abbinando strumenti tecnologici di diagnosi e cura all’avanguardia con un Laboratorio di ricerca dedicato a monitorare il progresso delle terapie e i meccanismi cellulari delle più significative patologie oftalmologiche.

Un’attività che ha portato alla pubblicazione di quasi mille articoli scientifici e alla registrazione di diversi brevetti e che, con il 2022, apre un nuovo capitolo ai suoi 35 anni di storia.

13 Dicembre 2021