15 January 2018

Prof. Mario Stirpe Il primo istituto di cura e ricerca oculistica. La sede per i trial clinici internazionali è a via Livenza. Le attività di cura si svolgono nel Britannico, una delle sedi dell'azienda San Giovanni-Addolorata. Le visite si prenotano attraverso il Cup regionale.

«Se fosse mio figlio non lo opererei, professore». Giambattista Bietti fulminò con lo sguardo l'allievo e per la prima volta si arrabbiò. In quegli anni Mario Stirpe era poco più di uno specializzando in Oftalmologia alla Sapienza. Il ricordo dello screzio col grande Maestro fa parte del suo curriculum affettivo: «Un giovane aveva avuto il coraggio di contestare il primario, a quei tempi non accadeva mai. La filosofia del Maestro era quella di privilegiare l'avvio alla vita anziché l'inestimabile valore della vista. Però io non seppi a tacere di fronte alla prospettiva che un bambino per essere curato di retinoblastoma bilaterale, un gravissimo tumore, dovesse essere privato di ambedue gli occhi secondo il protocollo di allora». Erano i primi passi di Stirpe studente che ... [continua su il Corriere della Sera]